‹‹ torna agli articoli del Blog

COME AFFRONTARE A CUOR LEGGERO OGNI CAMBIAMENTO IN AZIENDA: I CINQUE PRINCIPI DELLA LEAN PRDUCTION

COME AFFRONTARE A CUOR LEGGERO  OGNI CAMBIAMENTO IN AZIENDA:  I CINQUE PRINCIPI DELLA LEAN PRDUCTION


Senti spesso parlare di Lean Production e hai provato qualche volta a capirne di più, ma è un argomento troppo vasto e tu non hai tempo.

Hai ragione! Quando sei troppo impegnato con il lavoro, ti sembra di non riuscire a rincorrere le ultime novità, ma per questo motivo ci siamo noi!

Nelle attività di riorganizzazione delle attività delle aziende, in particolare quando si lavora sulla produzione, si ha la naturale tendenza a “passare subito ai fatti”, senza badare troppo alle linee guida del piano di trasformazione.

In questo articolo voglio riassumere il concetto di Lean Production e, anche se avrei potuto tagliare qualche parola in più, alla fine ho ricavato “i 5 principi della Lean Production”.

Proprio per te.

Apposta per te, che non hai tempo di fare ricerche e di leggere pagine intere di teoria.

 
 
 
1-     DEFINISCI IL VALORE CHE IL TUO PRODOTTO DOVREBBE AVERE PER IL CLIENTE

Il cliente è l’entità che giustifica l’esistenza della tua azienda, che paga lo stipendio ai dipendenti, l’affitto del tuo stabile, le attrezzature lavorative.

Come?

Il cliente percepisce un valore, acquistando un tuo prodotto o servizio, ed è disposto a pagare per questo.

Il valore percepito è quello che tu stesso decidi più o meno consapevolmente di attribuire al tuo prodotto o servizio.

È per questo che tutti i tuoi sforzi devono essere indirizzati alla creazione di valore per il cliente, sia nelle attività immediatamente percepibili dal cliente, sia in quelle precedenti, che permettono la produzione del prodotto e il corretto svolgimento dei processi.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             
2-     IDENTIFICA IL FLUSSO DI VALORE ED ELIMINA LE ATTIVITÀ CHE NON GENERANO VALORE          

Sono importanti tutte le attività che creano valore percepito dal cliente, tutte le altre devono essere messe in dubbio e analizzate.

Anche se alcune delle attività che non creano valore aggiunto sono indispensabili al funzionamento del sistema azienda, molte altre invece sono eliminabili e generano un risparmio immediatamente percepibile e consistente.

La tecnica più efficace e veloce per definire il flusso di valore è la Value Stream Mapping.

 
 
 
3-     CREA IL FLUSSO DELLE ATTIVITÀ A VALORE AGGIUNTO E FA’ IN MODO CHE SCORRANO SENZA INTERRUZIONI

Le attività che creano valore devono svolgersi in modo fluido, senza interruzioni, creando un vero e proprio “flusso continuo”.

A che cosa devi prestare attenzione?

Alle attese, alle code, ai tempi morti, alle scorte di magazzino, alle inefficienze di produzione e di informazione, ai difetti che necessitano di correzioni o rilavorazioni, alla cattiva gestione delle priorità.

Se imposterai la gestione della tua azienda secondi i principi della Lean Production, imparerai alcune tecniche specifiche per far fluire la tua produzione senza interruzione e senza sprechi che comportano costi aggiuntivi. Tra queste tecniche ne ricordo alcune, che puoi approfondire cliccando sui link: Takt Time, JidokaPoka-Yoke, produzione Just In Time.

 
 
 
4-     FA’ IN MODO CHE IL FLUSSO DI VALORE SIA TIRATO DAL CLIENTE

Per eliminare, come ho detto poco fa, le scorte e gli sprechi, il flusso di produzione senza interruzioni deve essere tirato dal cliente. In questo modo puoi evitare di generare un costo inutile che ti farebbe ricadere nello spreco, producendo soltanto in seguito alle richieste dei clienti, in termini di tempo e quantità.

Anche per questo scopo la Lean Production ha alcune tecniche efficaci, come il Just-In-Time e il Kanban.

 
 
 
5-     INSEGUI LA PERFEZIONE ATTRAVERSO LA RICERCA DEL MIGLIORAMENTO CONTINUO.

Quando puoi stare tranquillo?

MAI!

La filosofia giapponese è molto rigida da questo punto di vista.

Puoi essere molto soddisfatto dei risultati raggiunti, puoi standardizzare il processo e testarlo in un reparto diverso della tua azienda, ma devi stare sempre attento ed essere critico per individuare ed eliminare sul nascere eventuali errori o difetti che potrebbero causare perdite di tempo e denaro.

Il processo di miglioramento non deve mai avere fine anche perché il nostro riferimento primario deve restare il cliente e questo può cambiare la percezione del tuo valore molto velocemente.

In questa direzione lavora la strategia giapponese di management, il Kaizen, che puoi approfondire cliccando sul link.

 
 

La condizione ideale, che devi perseguire attraverso

le tecniche di Lean Production, è la totale assenza
di sprechi, così che tutte le attività creino
valore aggiunto per il tuo cliente finale.
 
 

Questa tensione è il punto di riferimento per mantenere attivo un processo di miglioramento continuo, dinamico e modificabile nel tempo, in base ai cambiamenti del cliente e quindi del mercato.

Ogni volta che non saprai come affrontare un cambiamento nella tua azienda, grande o piccolo, importante o routinario esso sia, ripensa a questi cinque principi e poni al centro della questione il tuo cliente.

Contattaci per avere maggiori informazioni, compilando il form a questo link.

Oppure iscriviti alla newsletter sul sito e ti invieremo gratuitamente una copia della nostra rivista “SCANAVINO MAGAZINE”, che puoi prenotare direttamente qui.

Quale sarà il tuo prossimo cambiamento?





© 2020, Management Academy è un marchio di SCANAVINO & PARTNERS CONSULENZE srl  |  P.Iva: 11670750014

Sede Operativa: Strada Torino, 43/108 - 10043 Orbassano (Torino)  /  Telefono: 011.90.63.755
Sede Operativa: Via Antonio Cechov 50, 20151 Milano  /  Telefono: 02.45.07.43.26
Sede Legale: Corso Vittorio Emanuele II, 167 - 10039 Torino

E-mail: info@managementacademy.it  |  Admin

Privacy Policy