COME UN BANALE CARTELLINO PUÒ  FARTI RISPARMIARE MIGLIAIA DI EURO OGNI MESE E TRASFORMARE LA TUA AZIENDA, RENDENDOLA PIÙ PRODUTTIVA.
‹‹ torna agli articoli del Blog

news del 26/07/2017

COME UN BANALE CARTELLINO PUÒ FARTI RISPARMIARE MIGLIAIA DI EURO OGNI MESE E TRASFORMARE LA TUA AZIENDA, RENDENDOLA PIÙ PRODUTTIVA.

Se nella tua azienda stai cercando di implementare un sistema di gestione più snello per ridurre sprechi, inefficienze, difetti di prodotto, leggi questo articolo in cui ti spiego come puoi cambiare le cose, semplicemente utilizzando un insieme di cartellini per regolare e ottimizzare la produzione.

Uno dei principi della Lean Production riguarda la gestione della produzione secondo un sistema Pull, contrapposto al più obsoleto sistema Push, nel quale la produzione avanza secondo una pianificazione dettata soltanto da previsioni della domanda, con inevitabile produzione di scorte. 

Il sistema Pull invece “tira” il flusso produttivo a partire dagli ordini dei tuoi clienti, collegando i processi a monte con quelli a valle attraverso un Kanban.

È proprio dell’importanza di questo strumento operativo, che voglio parlarti oggi, amico mio!

Scommetto che nella tua azienda, si pensa la produzione come un flusso che va da monte a valle, dalle linee iniziali al montaggio del prodotto finito.

Attraverso il Kanban invece si rovescia il modo di concepire il processo: si pensa la produzione come uno sviluppo da valle a monte e che lavora i pezzi necessari soltanto nel momento in cui c’è la richiesta del prodotto finale.

Il sistema Kanban decide le quantità e la tipologia di prodotto per ogni processo.

Uno dei maggiori benefici di questo strumento è che riduce notevolmente la sovrapproduzione, producendo soltanto ciò che viene richiesto dal cliente, quando è richiesto e nelle giuste quantità.

In giapponese la parola Kanban significa cartellino ed è il nome assegnato alle schede di controllo utilizzate in un qualsiasi sistema di gestione della produzione pull.

Ogni scheda identifica un prodotto o un componente e indica da dove arriva e dove è destinato.

In questo modo il Kanban diventa un sistema di informazione che integra la produzione, collegando tutti i processi tra loro armonicamente integrandoli con la domanda del cliente.
 
 
 
 
 

In un sistema Kanban i processi a monte producono solo i pezzi necessari a rimpiazzare quelli che i processi successivi hanno richiesto.

I tuoi lavoratori addetti ad un determinato processo, vanno al processo precedente per prendere i pezzi di cui hanno bisogno, i quali sono stati fatti nelle quantità e nei tempi richiesti.

Un processo di questo tipo può definirsi un sistema di gestione Pull della produzione.

 

 

COME FUNZIONA PRECISAMENTE QUESTO STRUMENTO?

 

Per riassumere, il Kanban è la tecnica più usata nel pull system e sfrutta vari cartellini che gestiscono le priorità di avanzamento delle celle a fronte di variazioni del ritmo produttivo.

Ogni cella dispone di due casette: una per i Kanban-prelievo e l’altra per i Kanban-produzione.

Il tuo dipendente, guardando la cassetta, deve capire quantità e tipo di prodotti da produrre.

A valle e a monte invece trova i contenitori per le scorte: quelli a monte sono identificati da un Kanban-prelievo.

L’operatore preleva il contenitore con i prodotti da lavorare, rimuove il Kanban-prelievo e lo inserisce nella cassetta dei cartellini di prelievo. Nella cassetta ci saranno tanti Kanban quanti prodotti, che un altro operatore, addetto all’approvvigionamento, dovrà prendere per ripristinare la scorta dei prodotti da lavorare e procedere con la produzione a flusso teso.

Al contrario, i contenitori delle scorte di prodotti già lavorati hanno appeso un Kanban-produzione. Devono essere ritirati, il Kanban staccato e posto nella cassetta corrispondente, e trasportati in un’altra cella a valle.

I tuoi dipendenti devono rispettare alcune fondamentali regole per l’implementazione del Kanban:

-         L’operatore può produrre solo quando è disponibile un segnale Kanban: se non è giunto alcun segnale o se il contenitore Kanban è vuoto, questo deve fermarsi.
-         Stabilito il numero di contenitori e la quantità di segnali Kanban massimi, questi non possono aumentare. Lo scopo è ridurre o addirittura eliminare gli stock al più presto. 
 
Utilizzando questo sistema, poco alla volta gli stock dovrebbero diminuire ed essere rimpiazzati con un flusso teso.

Il Kanban, se ben utilizzato porta importanti benefici:

-         Riduce notevolmente le scorte (fino al 90%)
-         Implementa un sistema che risponde velocemente ai cambiamenti di domanda
-         Migliora l’accuratezza della scorta
-         Semplifica la programmazione della produzione
 
La corretta applicazione del sistema Kanban parte con l’analisi dei vincoli, che si definiscono come la parte del processo che blocca il processo stesso dal poter essere efficiente al massimo.

Per analizzare i vincoli, puoi iniziare con un’analisi visiva e usare un sistema di registrazione per determinare quante volte vengono riempiti i contenitori delle scorte in una cella di produzione.

Con i risultati di questa indagine puoi in seguito fare un’analisi di Pareto, che è sostanzialmente un grafico che rappresenta l’importanza delle differenze causate da un certo fenomeno. (Rimando l’approfondimento sul diagramma di Pareto)

Determinato un fenomeno come causa di un difetto, noi di Management Academy possiamo analizzare a fondo la cella di produzione per eliminare le cause e rompere il vincolo.

Resta in contatto con noi, leggi il blog e iscriviti alla newsletter!

Solo per te una copia del nostro SCANAVINO MAGAZINE gratuita e direttamente a casa tua! 

 




© 2020, Management Academy è un marchio di SCANAVINO & PARTNERS CONSULENZE srl  |  P.Iva: 11670750014

Sede Operativa: Strada Torino, 43/108 - 10043 Orbassano (Torino)  /  Telefono: 011.90.63.755
Sede Operativa: Via Antonio Cechov 50, 20151 Milano  /  Telefono: 02.45.07.43.26
Sede Legale: Corso Vittorio Emanuele II, 167 - 10039 Torino

E-mail: info@managementacademy.it  |  Admin

Privacy Policy