MARKETING STRUTTURATO E SOSTENIBILE PER PMI: PERCHE' NO?
‹‹ torna agli articoli del Blog

news del 12/10/2016

MARKETING STRUTTURATO E SOSTENIBILE PER PMI: PERCHE' NO?

Sfatiamo 10 luoghi comuni, per cui Professionisti e Piccole Imprese non affidano i loro business ad un'azione di Marketing strutturata.
 
 

Negli ultimi anni, il costante mutamento del mercato ha fatto in modo che per noi diventasse evidente quanto fosse importante mettere in piedi una strategia di marketing strutturata, finalizzata ad alimentare le vendite ed a generare profitti. Nel corso della nostra attività, l’obiezione più comune successiva ad un primissimo approccio con il cliente è “sì, ok… Tutto giusto quello che mi dici, ma io e la mia aziendina NON CE LO POSSIAMO PERMETTERE…”

Effettivamente, questa considerazione è figlia di un periodo, ORMAI FINITO, in cui solo le grandi imprese traevano benefici dal marketing a fronte di sostanziosi investimenti fatti in comunicazione e pubblicità.

Ora non è più così. Ora creare una strategia di marketing che funziona è l’unica fonte di prosperità per la maggior parte delle PMI italiane che impegnano un sacco di tempo a pensare a come sopravvivere, invece che concentrarsi su come poter crescere.

In questa sede ci piacerebbe sfatare i luoghi più comuni o comunque quelle che più spesso vengono addotte come scuse per giustificare certe “non azioni.”

 

 Il marketing per piccole imprese è fattibile e proporzionato alla portata economica di questa tipologia di aziende.

 
Le piccole e medie imprese hanno, quindi, numerose opportunità per crescere, aumentare la visibilità, attrarre il target di riferimento ideale e incrementare la clientela, utilizzando in modo corretto strumenti di marketing, in special modo sul web.

 

IO mi auguro che ti sia bastato leggere quanto sopra, per capire che tu non possa più fare a meno di noi e della nostra azione di “supporto e sviluppo del tuo business. Se avessi ancora dei dubbi, però, prova a proseguire nella lettura dell’articolo ed a capire se l’obiezione a cui stai pensando è una di quelle che smonteremo di seguito:

 

1.        Una buona strategia deve dare risultati immediati

E’ vero che il marketing crea visibilità e alcune tattiche sono in grado di produrre risultati quasi istantaneamente ma è soprattutto vero che una buona strategia di marketing mira a creare un solido rapporto con il target di riferimento, coltivarlo nel tempo e comunicare affidabilità e serietà. Un’azione di Marketing efficace, prevede che il potenziale cliente venga “educato” rispetto alla tua condizione di esperto del settore, che il tuo nome e soprattutto il tuo BRAND, vengano riconosciuti all’interno del mercato.

Tutto questo non si costruisce in pochi giorni ma è il risultato di una serie di azioni mirate e di un’efficace strategia di contenuti: gli ottimi risultati li noterete dopo alcuni mesi, alcune volte occorre lavorarci almeno un anno, ma siate sicuri del fatto che vedrete incrementare il vostro business e la vostra clientela.

2.       Social media e inbound marketing sono gratuiti. Perché dovrei pagare voi?

Quando sento questa obiezioni, ammetto che la prima reazione impulsiva sarebbe rispondere “ E perché non lo hai già fatto se è così facile? Soprattutto, perché nonostante sia banale e sia gratis, la tua azienda versa ancora in queste condizioni?”

Poi faccio un bel respiro, e cerco di rispondere in maniera più professionale. Anche se è vero che si può creare una presenza sul web e sui social media con pochissimo denaro, per ottenere buoni risultati e sfruttarne tutte le potenzialità c’è bisogno di persone esperte e soprattutto di tempo e risorse. L’inbound marketing richiede la creazione di contenuti pertinenti e soprattutto originali e di qualità, oltre che naturalmente una presenza efficace sui social media. Dovete fare attenzione inoltre a monitorare costantemente la reputazione aziendale attraverso il controllo regolare delle conversazioni on line, rispondendo con sollecitudine a post e commenti, ottimizzando i diversi profili: l’investimento vi ripagherà con risultati tangibili.

 

3.       I prezzi bassi fanno aumentare le vendite

Altro errore tipico e molto, molto pericoloso. Anche se spesso facciamo fatica a convincere professionisti ed imprenditori che questa non sia una strategia vincente, ti assicuriamo che NON LO E’.

Sarebbe necessario un articolo ad hoc in merito e presto lo faremo; entriamo nel mondo del POSIZIONAMENTO e posizionarsi verso il basso, con un prezzo inferiore alla concorrenza, comporterà due soli conseguenze, una immediata e una leggeremente meno: quella immediata è una riduzione dei tuoi margini. Se riuscirai a sopravvivere, ti farà cancellare dalla faccia della Terra da un competitors più forte, che potrà permettersi di abbassare ancora di più la tua offerta, senza dover ragionare sui margini risicati che questa scelta comporta.

Inoltre, non sottovalutate l’intelligenza dei vostri clienti: loro sanno ben comprendere quando a fronte di una spesa c’è un reale controvalore in termini di qualità ed efficacia. Per questo è importante comunicare al target giusto e correttamente il vostro brand, i vostri prodotti e servizi in modo che possiate offrire il massimo servizio al giusto prezzo.

 

4.       Il target ideale della mia azienda non è più giovanissimo per cui i social media non funzionano

Tutte le più recenti analisi circa la fruibilità dei contenuti pubblicati nel web, evidenziano il forte orientamento verso le piattaforme mobili e sottolinea la crescente presenza di utenti attivi sempre più maturi. Mentre i social network in generale fanno registrare un incremento del numero degli utenti, fanno riflettere i dati relativi all’uso di Twitter e Facebook da parte dei più adulti: nel primo caso gli utenti compresi tra i 55 e i 64 anni crescono dell’80% circa e nel secondo caso aumentano del 46% gli utenti della fascia di età compresa tra i 45 e i 54 anni.

5.       Il sito web potrebbe farlo mio nipote

 

A questa obiezione, solitamente, rispondo in questo modo: “Anche i capelli puoi tagliarteli da solo o puoi farteli tagliare da tuo cugino… Ma se né tu, né lui di mestieri fate i parrucchieri, magari non potrete essere pronti per fare una sfilata di moda…”

Ecco… La metafora secondo me è calzante. Se il tuo interesse è semplicemente “non avere i capelli davanti agli occhi”, puoi fare benissimo da solo. Così come se il tuo unico obiettivo è mettere un sito internet sul tuo bigliettino da visita…

Ma se il tuo sito dovrebbe essere funzionale ad attrarre potenziali clienti (non ho detto appositamente che deve servirti a vendere, ma ci torneremo in uno dei prossimi articoli), DOVRA’ ESSERE FATTO A REGOLA D’ARTE, DA UN PROFESSIONISTA.

 Investire su un professionista significa investire nello sviluppo del vostro business: utilizzo di tecniche efficaci nell’organizzazione dei contenuti, ottimizzazione on page e per i motori di ricerca, creazione di landing pages, guidare la navigazione dei visitatori per far trovare loro quello che cercano, sono solo alcuni esempi di ciò che può fare uno specialista per il vostro sito web.

 

6.       La versione mobile del sito non è necessaria per le piccole imprese

Fate in modo che il vostro sito web sia leggibile e adattabile a qualsiasi tipo di piattaforma. Non ha importanza quanto la tua azienda sia grande e quanti dipendenti abbia, non esistono requisiti di numero per essere presenti sul web, in particolar modo sul web mobile, vale a dire essere visibili agli utenti che vi leggono da tablet e smartphone. Dati alla mano, è evidente che le abitudini degli italiani riguardo alla fruizione del web siano in continua evoluzione e l’utilizzo dei dispositivi mobili stia facendo terra bruciata attorno al più consueto pc: a metà 2016 sono infatti 5 milioni gli italiani che posseggono un tablet, mentre sono addirittura 30 milioni i possessori di uno smartphone. Se la tua azienda non risulta visibile dai dispositivi mobili, chi ti cerca non saprà nemmeno che esisti.

 

7.       L'email marketing non è più efficace

E’ proprio vero il contrario: una campagna di email marketing mirata e ben strutturata risulta essere uno dei modi migliori per attrarre potenziali clienti e trasformarli in clienti effettivi. Partite da una forte attività di content marketing, fornite contenuti di qualità e richiamate il vostro pubblico all’azione attraverso ingaggi efficaci: il tutto ricordandovi sempre di dialogare con loro. L’interazione e il coinvolgimento sono le chiavi per aprire i cuori dei vostri interlocutori e spingerli all’azione.

Non dimenticare la regola base del Marketing: CONTENT IS THE KING (occorrono contenuti di qualità per suscitare interesse). Se non partiamo da questa base e non abbiamo “educato adeguatamente il cliente” (vedi punto 1), allora sicuramente una DEM non sarà efficace e, verosimilmente, finirà nello spam delle caselle di posta dei tuoi potenziali clienti.

 

8.       Ho un logo quindi ho un brand

Il logo è solo una delle componenti di quella che possiamo definire immagine aziendale. La vostra identità, o ancora meglio il marchio, rappresenta la percezione che gli altri hanno della vostra azienda. Ogni scelta, ogni immagine, ogni mossa riflette i vostri valori e il vostro modo di essere, comunica costantemente la personalità aziendale, influenza il pensiero dei vostri utenti: è il modo più diretto per far capire al resto del mondo chi siete e cosa fate. Attenzione quindi ad essere sempre coerenti ed utilizzare la vostra immagine in tutte le attività di marketing e sui social media.

   

9.       Bisogna rinnovarsi spesso altrimenti la comunicazione va in stallo (ergo… Non ho tempo di stargli dietro)

In linea generale la coerenza e la ripetizione sono i migliori condimenti di una buona strategia di marketing. Solo quando ci si accorge che si comincia a diventare ripetitivi e non si forniscono più stimoli interessanti al proprio target di riferimento allora vuol dire che è arrivata l’ora di cambiare. Variare il tipo di messaggio o la campagna di marketing solo per il gusto di cambiare può solo distrarre o disorientare gli utenti.

Quanto al tempo… CI SIAMO NOI PER QUESTO… Basta pagare il disturbo… ;-)

 

10.    Marketing vuol dire pubblicità

Il marketing consiste in tutte quelle azioni e strategie che hanno come obiettivo quello di far conoscere la vostra azienda e i vostri prodotti al target di riferimento, oltre che comunicare bene con loro affinché diventino vostri clienti. Tra i mezzi utilizzati potrebbe esserci anche la pubblicità tradizionale anche se per la grande maggioranza delle piccole aziende questo rappresenta un costo spesso difficilmente sostenibile o comunque superiore al ritorno economico. La pubblicità on line o comunque la comunicazione via web è sicuramente più conveniente, più attuale e – se inserita all’interno del marketing mix e mirata al target giusto – specifica per il vostro obiettivo di business.

   

 CONCLUSIONI

Fare del buon marketing – sia per le piccole che per le grandi aziende – comporta investimenti di tempo, creatività, persone ed energie: il risultato sarà visibilità per la vostra azienda, per i vostri prodotti e servizi, incremento dei clienti potenziali, trasformazione in clienti effettivi, sviluppo del vostro business. Quindi il consiglio di oggi è: mettiamo da parte le cattive convinzioni e i luoghi comuni e dedichiamoci a strutturare un piano di marketing pratico e funzionale alla nostra attività




© 2020, Management Academy è un marchio di SCANAVINO & PARTNERS CONSULENZE srl  |  P.Iva: 11670750014

Sede Operativa: Strada Torino, 43/108 - 10043 Orbassano (Torino)  /  Telefono: 011.90.63.755
Sede Operativa: Via Antonio Cechov 50, 20151 Milano  /  Telefono: 02.45.07.43.26
Sede Legale: Corso Vittorio Emanuele II, 167 - 10039 Torino

E-mail: info@managementacademy.it  |  Admin

Privacy Policy